Recensioni

Non ditelo allo scrittore di Alice Basso

Non ditelo allo scrittore
Non ditelo allo scrittore è il titolo dell’ ultimo romanzo firmato Alice Basso. Terza avventura di Vani Sarca.

Non ditelo allo scrittore  è il terzo romanzo scritto da Alice Basso con protagonista Vani Sarca.

( Garzanti, 293 pp, cartonato con sopraccoperta 16.90 € e-book 9,99 €)

Siamo di nuovo nell’odierna Torino in compagnia di  Vani  Sarca e con lei ci destreggiamo tra un caso da risolvere, che questa volta vede coinvolto un vero malavitoso, e l’editoria dove la nostra protagonista incontrerà un uomo fuori dagli schemi.

Come d’abitudine Alice Basso mescola sapientemente passato e presente di Silvana, così da raccontarci sempre una storia nella storia.

I personaggi sono  molti, ma ottimamente delineati.

Il mio preferito è e resterà Enrico Fuschi a cui da questo romanzo si aggiunge Olga giovane e valente collaboratrice della casa editrice.

Lo  stile è quello a cui la talentuosa  autrice milanese ci ha ormai abituato: fluido,  non prolisso associato a un registro linguistico informale e colorito.

Leggere Non ditelo allo scrittore  vuol dire immergersi nel modo di Vani , arrabbiarsi e ridere con lei, visto come le capacità narrative della scrittrice siano in grado di far provare al lettore molta empatia.

Tali capacità permettono  a chi legge  di non rendersi nemmeno conto di eventuali termini tecnici presenti nell’opera.

La parte “gialla” della trama è avvincente e ben costruita.

Anche questa volta all’interno dell’opera si possono trovare rimandi e citazioni  di altri capolavori della letteratura,  tratto distintivo di questa serie.

Non ditelo allo scrittore  non solo la terza avventura di Silvana Sarca, detta Vani, è un  romanzo divertente fino alle lacrime, ma anche emozionate e profondo.

La protagonista riesce, con leggerezza a portare  chi legge ad interrogarsi  su molte questioni della vita quali: amicizia, amore e famiglia.

Forse è questo uno dei motivi per cui mi difficile collocare tutta la serie di Vani all’interno di un genere ben definito.

Consiglio la lettura di Non ditelo allo scrittore ? ASSOLUTAMENTE SÌ.

A chi la consiglio? A tutti.

In particolare lo suggerisco a chi sta attraversando un periodo buio (fidatevi questo libro è stato la mia copertina di Linus, nel periodo più nero e forse è anche per questo che riesco a parlarne solo ora a quasi un anno di distanza)

Voi l’avete letto?

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *