Recensioni

Lost & Found di Brigit Young. Feltrinelli

Brigit Young Lost&Found
Lost & Found di Brigit Young edito da Feltrinelli nella collana UP non è solo un libro per ragazzi, è molto di più.

Lost & Found segna l’esordio letterario di Brigit Young.

( Feltrinelli collana UP, 192 pp brossura 14,00 € e-book 8,99 €)

Siamo in Illinois nella ridente cittadina di Templeton, Tillie  è una ragazzina che frequenta la middle school ( la nostra scuola media ndr) e un grave incidente l’ha resa disabile.

A seguito di questo avvenimento, Tillie si è chiusa in se stessa.

Proprio nel tentativo di evitare questo suo isolamento il nonno le ha regalato la sua prima macchina fotografica.

Quest’oggetto è diventato per la ragazzina una sorta di migliore amico da cui  non si separa mai, neanche durante le ore di lezione.

Per questo Tillie è diventata famosa tra i suoi compagni d’istituto con il soprannome di Ufficio oggetti smarriti, perché è grazie alla sua passione di fotografare ogni momento e luogo della vita scolastica che la giovane riesce a ritrovare qualsiasi cosa sia andata persa.

Un giorno però le si avvicina Jake che le chiede di ritrovare non qualcosa, ma qualcuno…

Inizia così un’avventura che porterà Tillie a esporsi in prima persona e domandarsi fino a che punto sia giusto mettere la vita degli altri sotto una lente d’ingrandimento per trovare la verità.

Brigit Young per raccontarci questa storia pochi personaggi, i quali però sembrano essere degli individui reali.

La mia attenzione è stata  come sempre cattura da un personaggio secondario: Marcy.

Il narratore  è esterno e ciò  permette al lettore di poter comprendere meglio tutta la storia in modo particolare la sotto trama gialla.

Non vi è dubbio che essendo Lost & Found un libro rivolto a ragazzini dell’età della protagonista Brigit Young abbia dovuto scegliere uno stile fluido legato ad un linguaggio semplice, ma non banale.

Lost & Found è sì un’opera d’intrattenimento, la quale però vuole stimolare il giovane lettore a darsi alcune risposte sull’amore, sull’amicizia, l’accettazione di sé e sulla ricerca della  verità.

In conclusione mi sento di affermare che quest’opera prima prima di Brigit Young è un opera fresca, dolce ma al contempo profonda e matura.

Voi   l’avete letta?

Vi lascio qui il link di un altro libro per ragazzi che mi è piaciuto.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *