Autori che meriterebbero maggior visibilità{ Book Blogger Hunt # 10 tappa}

Ben ritrovati amici lettori,
 anche quest’anno  Letture al contrario partecipa alla Book Blogger Hunt  iniziativa ideata da due giovani valenti blogger, Denise  e  Juliette alla cui organizzazione quest’anno ha  partecipato anche Bliss .In questo post  vorrei parlarvi di un argomento che mi sta particolarmente a cuore; ossia gli autori che meriterebbero maggior visibilità,  Il mercato editoriale in Italia, sembra  più interessato a ciò che viene pubblicato oltreoceano od oltremanica piuttosto che gettare uno sguardo a ciò  che “valenti sconosciuti ”scrivono  qui da noi. Come certamente sapete il mio   blog si occupa prevalentemente di Autori   italiani esordienti o emergenti, da quando ho cominciato ad occuparmene all’incirca un anno fa tralasciando, almeno per quanto riguarda il blog, autori di ampia fama vi assicuro che ho scoperto delle vere e proprie perle  letterarie, che però sono sconosciute ai più in quanto pubblicate da piccole case editrici, o molto spesso auto pubblicate.
  
 Tra questi ne voglio citare alcuni  di cui in principio mi sono limitata ad apprezzare l’opera letteraria, successivamente  poi ho costruito un rapporto di lavoro basato sulla fiducia, sulla collaborazione reciproca e lo scambio  quasi giornaliero di idee e di impressioni.  Sono autori come Anita Borriello  che con Brûlant,  sua prima opera letteraria che però ha saputo destare la curiosità in chi legge e portare una novità in un genere letterario nel quale ultimamente si vedono spessissimo “i libri  clone”; oppure  come  Serena  Versari  autrice di Angels che, ad una trama romantica, ha saputo mescolare sapientemente le descrizioni  di luoghi decisamente affascinanti e delle leggende  ad essi collegate,  avvolgendo il lettore in una coperta quasi magica. O ancora Mauro Mattiolo   papà letterario di ” Una Ragazza” che ci ha portato nel mondo colorato, stravagante  e impertinente di Ginevra .
 Senza tralasciare  Liliana Marchesi che con la sua Trilogia del Peccato  sta tenendo tutti con il fiato sospeso.
 Degni  di nota poi  sono certamente i lavori di Mauro Corticelli con il suo romanzo dal sapore estivo Nescafé Frappè e   di Antonietta Usardi   “mamma” di  Morire dal ridere ,  con una penna che ricorda molto quella di Rodari ci ha portato in uno strano negozio;   altrettanto interessante  è poi  la produzione letteraria di Max Vergani  che con la sua raccolta di racconti Amblimblone, ci ha portato in un mondo a metà strada tra il Giamburrasca di Vamba  e le avventure di Don Camillo e   Peppone. 
 Per chi ama invece le storie intricate e che lasciano un pizzico di brivido sicuramente da scoprire sono Jury Livorati   con la sua Eredità, storia che sebbene abbia qualche punto debole  sa benissimo far provare qualche sudore freddo al lettore. 
 Emozioni forti e  azione  le potete trovare invece nell’opera letteraria  di Violet Nightfall:  Beautiful Sin ; mentre  altro tipo di sudori, di emozioni  può provocarvi   la lettura  dello scritto di Ester Ashton: Perverse Love.
 Sensazioni  sicuramente più riposanti, quasi oniriche saranno quelle che proverete se deciderete di lasciarvi conquistare da Oltre  i confini di Noemi Gastaldi.
 Lavori certamente più realistici  sono poi  quelli di Claudia  Mauro  con Schegge di vetro  e ultimo ma non meno importante   Ho sposato uno struzzo di  Silvia e Antonietta  Scarabelli.
 Ecco questi per me sono gli autori che meriterebbero maggior visibilità, perché nelle loro pagine io mi sono persa, ma al ritorno da esse ho anche acquistato qualcosa.
 Ed ora passiamo agli indizi  utili per il  “cruciverba finale” : 
  1.   È una giovane autrice  auto pubblicata;
  2.  Nel suo romanzo si parla di una congrega;
  3.  La protagonista della sua storia è  una giovane donna dai capelli rossi;
  4.   Per me è stato il primo  cinque stelle cum Laude  del   2013

Articoli simili

9 Commenti

  1. È vero, ci sono moltissimi autori che meriterebbero di avere maggiore visibilità (e molti li hai citati tu). Proprio qualche giorno fa leggevo di un uomo che ha speso moltissimi soldi per farsi pubblicare da qualche casa editrice (ne ha contattate venti), ma nessuna di essere ha deciso di stampare il proprio nome sulla sua opera. Così ha pubblicato da sé il suo romanzo ed è diventato uno dei più letti e acquistati di un periodo. Questa è una prova di come esistano dei piccoli capolavori anche nei manoscritti un po' meno conosciuti.

  2. Non ho letto nulla degli autori che hai citato ma sono contenta di poterli conoscere meglio, quest'iniziativa mi sta dando mille spunti e un elenco di nuovi autori non indifferente! 🙂

  3. So davvero poco riguardo agli autori emergenti italiani, ho iniziato a leggerne qualcuno solo ultimamente grazie al mio blog e spero di conoscerne qualcuno di interessante prossimamente 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.